Salmonella nella macelleria di una catena di supermercati: il responsabile non è solo il legale rappresentante

Il legale rappresentante di una società gestrice di una catena di punti vendita o supermercati non è il solo responsabile in tema di disciplina degli alimenti, qualora essa sia articolata in plurime unità territoriali autonome, ciascuna affidata ad un soggetto qualificato ed investito di mansioni direttive, in quanto la responsabilità del rispetto dei requisiti igienico-sanitari dei prodotti va individuata all'interno della singola struttura aziendale, senza che sia necessariamente richiesta la prova dell'esistenza di una apposita delega in forma scritta, fermo restando che è fatta salva la responsabilità a titolo di colpa del legale rappresentante della società, secondo i principi generali di cui all'art. 43 cod. pen., qualora il fatto derivi da cause strutturali correlate a scelte riservate al titolare dell'impresa. (Fonte: Massima redazionale)

Riferimenti: Cassazione penale, sezione III, sentenza n. 40324 del 28 settembre 2016 (ud. del 23 giugno 2016)

Solo gli utenti abbonati possono accedere a questo contenuto. Per favore, effettua il login oppure acquista un Abbonamento. Se hai già effettuato la registrazione, devi provvedere a completare il pagamento per diventare abbonato.