La moda ‘senza’ fa crescere i sostitutivi di latte e formaggi

Fonte: @nmvi Oggi
Data: 10 novembre 2016

SENZA LATTOSIO.2jpegNegli ultimi anni, i sostitutivi del latte sono cresciuti del 62%, i sostitutivi del formaggio del 34%, pasta e pane senza glutine del 33%.
I dati sono di Giuseppe Calzolari, Presidente di Granarolo, nel corso di un convegno organizzato dall’azienda bolognese su ‘Alimentazione e sicurezza alimentare’.
Ma non sempre si tratta di scelte consapevoli. “C’è anche moda e cattiva informazione – avverte il numero uno di Granarolo – la comunità scientifica dovrebbe aiutarci. Facciamo fatica, la Rete è difficile da controllare, orientare e soprattutto educare. C’è la tendenza ad ascoltare di più chi nega e fa allarmismo rispetto a chi rassicura. E’ più facile sparare robe non verificate sulla Rete, o anche sulla tv di Stato. Noi chiediamo solo di fare informazione e poi ognuno sceglie”.

Nicchie da 286mln di euro – Le nicchie di mercato dovute ai nuovi regimi alimentari valgono nel complesso 286 milioni di euro. Dal mercato del vegetale, in particolare, Granarolo è arrivata “a ricavare 30 milioni di euro di fatturato in un anno e mezzo, partendo da zero”, sottolinea il presidente. Ancora più forte è l’investimento di Granarolo sul biologico, con una produzione stimata in 50.000 tonnellate di latte bio nel 2019. “Saremo il primo operatore biologico in Italia”, afferma Calzolari.

Consumi alimentari in calo – Secondo i dati presentati da Nomisma, i consumi alimentari in Italia sono calati del 10% tra il 2000 e il 2015. L’anno scorso c’è stata “una leggera ripresa”, ma il semestre del 2016 ha dato di nuovo segnali “non positivi”. In questo contesto, il tasso di penetrazione dei prodotti biologici nelle famiglie italiane è passato dal 53% del 2012 al 74% del 2016. Il biologico in Italia rappresenta ormai il 3% del totale dei consumi alimentari, per un fatturato che ammonta a 2,6 miliardi di euro.

Il trend si afferma anche nelle scuole – Durante il convegno di Granarolo, la presidente Camst Antonella Pasquariello, ha dichiarato che nelle scuole di Bologna sono sei i bambini, sui 18.000 che mangiano in mensa, ad avere un menu vegano. Pasquariello, alla guida del colosso della ristorazione che serve le mense scolastiche di circa 900 Comuni, sottolinea l’aumento costante dei nuovi trend alimentari anche nelle scuole. “Andiamo sempre più verso un’alimentazione ‘senza’- ammonisce la presidente Camst – senza glutine, senza lattosio, senza carne. Dalle diete si toglie solo, per motivi sanitari, etici o religiosi. La parola su cui dovremmo focalizzarci invece è ‘con’, cioè integrare e accettare anche la diversità”. Il problema, sostiene Pasquariello, è che “manca la governance: da parte della pubblica amministrazione servirebbe una maggiore integrazione tra le diverse istanze”. A fronte di questi cambiamenti, però, “resta invariato il costo medio di un pasto che, come quattro anni fa, si attesta intorno ai 4,60 euro secondo i dati di settore”, segnala Camst.

 

Lascia un commento