È reato utilizzare una materia prima non tracciabile, anche se unitamente ad un’altra tracciata

Integra il reato previsto dall’art. 5, lett. b), della legge 283/1962 l’impiego, nella preparazione di alimenti, di materia prima di provenienza “non tracciabile” unitamente ad altra “sicura” (nella fattispecie l'impiego di latte "non tracciabile" nella produzione di formaggi). (Fonte: Massima redazionale) La pubblicizzazione su sito web di formaggi prodotti con impiego di latte "non tracciabile" costituisce frode in commercio.

Riferimenti: Cassazione penale, sezione III, sentenza n. 31035 del 20 luglio 2016 (udienza del 9 giugno 2016)

Solo gli utenti abbonati possono accedere a questo contenuto. Per favore, effettua il login oppure acquista un Abbonamento. Se hai già effettuato la registrazione, devi provvedere a completare il pagamento per diventare abbonato.