Alcolici e health claims: prove di fattibilità?

Fonte: Sicurezza Alimentare
Data: 07 dicembre 2016

ALCOLICIFialette con contenuto di alcol in gradazione al 27°- e quindi oltre la soglia dell’1,2% stabilita a livello UE- potranno comunque recare indicazioni sulla salute e nutrizione. A patto che siano integratori, ovvero, l’assunzione di alcol sia negligible e non in grado di dare effetti negativi di salute. E’ questa la conclusione della Corte di Giustizia UE, che nella Causa C‑177/15-Nelsons GmbH contro Ayonnax Nutripharm GmbH contro Bachblütentreff Ltd- ha creato un precedente di tutto interesse.

Se a livello europeo si sta valutando la possibilità di indicare almeno il contenuto calorico degli alcolici, ad oggi proibito proprio dall’esenzione per tutti gli alcolici con almeno 1,2° di alcol – in ragione del contenuto “nascosto” di calorie, in un momento in cui sovrappeso e obesità sono dilaganti – nelle intenzioni originarie del legislatore si intendeva limitare una promozionalità indiretta degli alcolici con aspetti nutrizionali. Che avrebbero in qualche modo fatto pensare alla salubrità. Circa il caso di specie, la Corte ha ritenuto che il formato delle fialette di integratori, con un contenuto assolutamente ridotto (pochi ml) non fosse in grado di essere considerato intanto come bevanda, e poi, di produrre effetti negativi sulla salute umana.

Circa poi il valore di indicazione sulla salute del marchio “Rescue” (“sollievo”), registrato prima della pubblicazione del regolamento 1924/2016 sugli health & nutrition claims, ( e prima della data limite del 2005 come stabilito dalla normativa) la Corte ha chiarito che possa essere considerata come indicazione sulla salute generale e in tal senso, da supportare solo se accompagnata da una indicazione sulla salute specifica (es, presenza di vitamine o Sali minerali con relativi claims). Sempre considerato che i prodotti recanti denominazioni commerciali o marchi di fabbrica esistenti anteriormente al 1° gennaio 2005 e non conformi al regolamento “claims” possono continuare ad essere commercializzati fino al 19 gennaio 2022.

Lascia un commento