Antibioticoresistenza: al via una consultazione pubblica

Fonte: @nmvi Oggi
Data: 30 gennaio 2017

ANTIBIOTICORESISTENZADestinatari: cittadini, operatori sanitari ed economici. Entro il semestre la Commissione Europea lancerà un Piano d’azione.
Da oggi fino al 28 aprile, l’Esecutivo di Bruxelles promuove una vasta consultazione pubblica sulle strategie di lotta all’antibioticoresistenza. Con due questionari dedicati- uno per singoli cittadini e uno per amministrazioni/organizzazioni- la Commissione Europea si rivolge a chiunque sia interessato ai temi della salute pubblica, umana e veterinaria, con approccio one-health.

La finalità della consultazione è di raccogliere dati e osservazioni in vista del nuovo piano d’azione europeo che sarà adottato “entro l’estate”. La Commissione intende ascoltare tutti gli interessati e conoscere la loro visione per elaborare le migliori strategie di aiuto ai Paesi dell’UE nella lotta contro la resistenza antimicrobica. (One Health Action Plan to support Member States in the fights against Antimicrobial Resistance -AMR)’

Nella sola Unione Europea, la Commissione indica l’antibioticoresistenza come “responsabile ogni anno di 25.000 morti, di oltre 1,5 miliardi di euro di spese sanitarie e perdita di produttività”. Data la sua gravita, la lotta alle resistenze antimicrobiche “è una priorità politica all’interno della UE” affrontabile soltanto con un approccio “one health”, che riconosca che la salute delle persone, degli animali e dell’ambiente sono indissolubilmente legati.

Il nuovo piano d’azione, fa sapere la Commissione, si concentrerà sulle attività in grado di rappresentare un chiaro valore aggiunto per le politiche unionali e su risultati misurabili e concreti.
La consultazione vuole contribuire all’obiettivo comune di preservare l’efficacia degli antimicrobici, rafforzando il controllo delle infezioni e stimolare l’innovazione in nuovi trattamenti.

I questionari sono disponibili on line in tutte le lingue europee.

Questionario rivolto ad amministrazioni, associazioni e organizzazioni
Questionario rivolto ai cittadini

Lascia un commento