Carabinieri NAS: chiuse tre attività commerciali

Fonte: Ministero della Salute
Data: 24 gennaio 2018

pasticceria-2Il NAS di Livorno, a seguito di un controllo effettuato presso una pasticceria sita nella provincia di Pisa, ha segnalato all’Autorità Sanitaria il proprietario dell’esercizio commerciale per avere attivato un deposito alimentare in assenza della prescritta notifica agli organi di controllo. Nel corso dell’ispezione, inoltre, i Carabinieri hanno posto sotto sequestro 200 kg. di prodotti alimentari (burro, bianco d’uovo, prodotti a base di frutta, ecc.) detenuti nel locale non autorizzato e quindi non idonei al consumo umano, nonché 165 barattoli di confetture varie poiché prive delle indicazioni utili alla rintracciabilità. Sul posto è intervenuto il personale dell’azienda USL Toscana Nord Ovest che ha proceduto ad emettere un provvedimento di sospensione del deposito fino alla regolarizzazione della registrazione.

Analogamente, il NAS di Bologna, nel corso di un’ispezione presso uno stabilimento per la produzione di prodotti dolciari, ha accertato delle carenze igieniche e l’omessa attuazione delle procedure codificate dal manuale di autocontrollo. Per le violazione riscontrate il proprietario della ditta dovrà pagare delle sanzioni pari a 3.000 euro. A seguito di quanto rilevato, inoltre, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda USL di Bologna ha emesso il provvedimento di sospensione immediata dell’attività, del valore stimato di 200.000 euro.

I Carabinieri del NAS di Ragusa hanno accertato che un ristorante della provincia ragusana era stato attivato senza notifica all’autorità sanitaria. La violazione è stata oggetto di una segnalazione all’azienda sanitaria provinciale il cui personale, giunto sul posto, ha disposto la chiusura del locale, dal valore di circa 100.000 euro.

Il NAS ricorda che, al fine di tutelare la salute del consumatore, le procedure autorizzative previste dal legislatore per il comparto alimentare sono molto rigide in quanto strumento essenziale per la prevenzione di possibili rischi alimentari.

Lascia un commento