Carabinieri NAS: alimenti in cattivo stato di conservazione

Fonte: Ministero della Salute
Data: 15 febbraio 2018

bottiglie-dacquaI Carabinieri del NAS di Roma hanno eseguito, in collaborazione con ispettori tecnici della Regione Lazio, approfonditi accertamenti lungo la filiera distributiva delle acque minerali. Al termine dei controlli i militari hanno scoperto che una società romana, titolare di una regolare concessione mineraria per la captazione e l’imbottigliamento di acqua minerale, utilizzava per il confezionamento delle bottiglie una tipologia di etichette che non era mai stata autorizzata dall’ente regionale. I Carabinieri hanno, pertanto, proceduto al sequestro amministrativo di circa 130 mila bottiglie di acqua e 25 mila etichette pronte ad essere utilizzate per il confezionamento, per un valore di circa 180 mila euro.

I Carabinieri del NAS Milano hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria un imprenditore bergamasco di import-export per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione. I militari, nel corso dell’ispezione igienico-sanitaria hanno, infatti, accertato che i depositi alimentari dell’azienda non erano idonei alla conservazione della merce che risultava esposta alle intemperie, ad agenti atmosferici ed infestanti con possibili e concreti rischi di contaminazione. Gli alimenti rinvenuti e consistenti in 4 mila Kg di carciofi contenuti in fusti, vasetti di miele e conserve varie, cartoni e confezioni alimentari, sacchi di noci, funghi confezionati e sfusi contenuti in buste di plastiche aperte e prive etichette, succhi di frutta – del valore di oltre 100 mila euro – sono stati sequestrati.

Lascia un commento