L’esperto risponde

Etichettatura: “latte senza lattosio” o “a ridotto contenuto di lattosio”?

Qual è la normativa di riferimento che permette di classificare il latte "senza lattosio" piuttosto che "a ridotto contenuto di lattosio"? Un eventuale richiamo all'utilizzo di latte "senza lattosio" nell'etichetta di un prodotto alimentare comporta una dichiarazione nutrizionale in merito al contenuto di lattosio, al di fuori della tabella nutrizionale?